martedì 10 aprile 2018

La matematica, la storia e l'ignoranza

Voi sapete che, pur essendo questo blog un blog generalista, uno degli argomenti che mi interessano di più è sbugiardare l'ignoranza scientifica dell'informazione (in particolare, ed è logico vista la mia formazione, su temi matematici e fisici).

Ora Linkiesta ha superato ogni mia speranza (o incubo, fate voi): è riuscita a mettere insieme ignoranza matematica e ignoranza storica.
Sì, avete letto bene: Linkiesta ha violentato insieme matematica e storia.

In un articolo di ieri dedicato a un film austriaco uscito nelle sale nel 1924, l'autore (non so chi sia: l'articolo è firmato genericamente LinkPop) sostiene che il film predice Hitler e la sua caccia agli ebrei di 20 anni.

Ora 1924+20 fa (nel mio mondo dove la matematica non è un'opinione) 1944... e nel 1944 Hitler ormai stava perdendo la guerra, dopo undici anni di regime.
Oppure tra il 1933 e il 1944 la Germania è stata governata da Churchill e gli ebrei erano rispettati e amati?

Per di più (e qui anche il più impreparato degli storici avrebbe potuto evitare l'errore all'autore) nel 1924 non c'era nulla da predire: Hitler nel mondo di lingua tedesca era ben noto almeno a partire dal 1923 (tentato putsch di Monaco) e anche la caccia agli ebrei era già sport comune (esempio per tutti i pogrom in Russia, ma non solo).

Insomma, l'unica cosa che (forse) ha predetto quel film è l'ignoranza di chi ha scritto l'articolo.

Saluti,

Mauro.

7 commenti:

  1. Ah LinkPop! È stato mio "cliente" in passato. Domani ti metto il link a un mio post che lo cita (sempre a proposito di ignoranza).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attendo impaziente (sinceramente!).

      Elimina
  2. Eccolo: https://lituopadania.wordpress.com/2017/03/31/salvare-il-livone-non-e-da-eccentrici-e-testardi-e-un-gesto-damore/

    RispondiElimina
  3. Magari puoi editare il commento e inserire il link nel testo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo una volta pubblicato non è più editabile.

      Elimina
  4. i futuristi usavano le parole più per il suono che evocavano che per il significato.
    Oggi si è deciso di fare lo stesso con i numeri (per non discriminarli...) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E chi siamo noi per discriminare? 😁

      Elimina