lunedì 30 marzo 2015

Troppe parole usate a sproposito

Molti di voi si saranno stupiti del fatto che io non abbia ancora scritto una singola riga sulla tragedia dell'aereo Germanwings della settimana scorsa.

I motivi sono semplicemente due:
1) Purtroppo ne stanno parlando tutti, soprattutto coloro che non hanno nulla da dire, quindi qualsiasi cosa scrivessi si perderebbe nel gran rumore di fondo;
2) Le indagini sono - nonostante le apparenze - di fatto agli inizi. L'unica cosa che sembra certa è che il copilota sia il responsabile... ma in quali termini concreti lo diranno le indagini. E sinceramente non mi va di scrivere qualcosa sulla base di così pochi fatti.

Però oggi ho letto l'articolo migliore sulla tragedia da quando è spuntata la responsabilità di Andreas Lubitz.
Migliore in assoluto, non migliore in Italia.
Poi, sui singoli punti, chiunque di noi può concordare o discordare, ma la profondità, la lucidità e la sostanza di quest'articolo non vanno sottovalutate. Anzi.
Scritto dalla bravissima Silvia Bencivelli.

Qui l'incipit (articolo completo cliccando sul link):

La tragedia dell’aereo della GermanWings è una di quelle cose su cui tutti hanno qualcosa da dire. Per chi si occupa di salute, e di comunicazione della salute, proprio qui sta il problema.
Più di dieci anni fa feci la tesi di master sul lessico della salute mentale trasportato nelle pagine di cronaca nera, dove in un attimo è tragedia della follia e in un attimo c’è il vicino di casa che, alternativamente, non poteva immaginare niente di simile o aveva avuto il sospetto di qualcosa che non andasse. [Prosegui la lettura]


Saluti,

Mauro.

6 commenti:

luisellapacco ha detto...

Sì, è vero, ottimo articolo. Equilibrato, semplice, pieno di comprensione, anche per quelli che, intervistati a sproposito, devono pur dire qualcosa. Grazie per la segnalazione.

Camicius ha detto...

L'unica cosa che sembra certa è che il copilota sia il responsabile

In realtà è quello che ha detto il procuratore di Marsiglia.
La BEA, che sta conducendo l'analisi tecnica, non ha ancora dato nessun riscontro.
Diciamo che la responsabilità del copilota è uno degli scenari possibili. Ce ne sono altre, forse meno probabili, ma la certezza mostrata dal procuratore non è, a mio parere (e anche a parere di molti altri nel campo) giustificata dalle evidenze ad oggi mostrate. Se poi le evidenze sono altre, si vedrà alla fine dell'indagine tecnica...

Serena ha detto...

Io, prima di qualsiasi commento, aspetterò che i fatti (tutti i fatti) siano accertati.

Mauro ha detto...

Infatti ho scritto "sembra" non "è".

Mauro ha detto...

L'articolo che cito (non i miei commenti) è in realtà più generale dei fatti in questione. Quindi manterrà il suo valore comunque.

Mauro ha detto...

Il blog della Bencivelli mi permetto comunque di consigliarlo in generale, al di là di quest'articolo.