domenica 16 marzo 2014

Può esistere un capitalismo senza crisi?

Ho appena cominciato a leggere un libro che promette di essere molto interessante (tanto per cambiare non - ancora? - pubblicato in Italia): Der Sieg des Kapitals (La vittoria del capitale) della giornalista tedesca Ulrike Herrmann.
Per capire meglio il contenuto è indicativo il sottotitolo: Wie der Reichtum in die Welt kam: Die Geschichte von Wachstum, Geld und Krisen (Come la ricchezza arrivò nel mondo: la storia di crescita, denaro e crisi).

Non posso ancora farne una recensione, logicamente, ma una frase nell'introduzione mi ha dato da pensare, mi ha posto degli interrogativi.
Questa frase (traduzione in italiano mia) è:

È molto più facile capire le crisi, quando è chiaro a priori come funziona un capitalismo senza crisi.

Ecco, il problema è questo: può esistere un capitalismo (puro) senza crisi?
A mio parere no. Il capitalismo puro si può solo nutrire di crisi cicliche. Senza di esse il capitalismo muore perché gli viene a mancare il respiro.

Saluti,

Mauro.

Nessun commento: