mercoledì 1 gennaio 2014

Genova

Le tue strade.
I tuoi palazzi.
Le tue piazze.
I tuoi odori.
I tuoi monti.
Le tue chiese.
I tuoi vicoli.
I tuoi rivi.
I tuoi parchi.
Le tue salite.
I tuoi scogli
I tuoi profumi.
Le tue scalinate.
I tuoi ascensori.
Le tue stazioni.
I tuoi colori.
Le tue cremagliere.
Le tue gallerie.
I tuoi corsi.
I tuoi lungomare.
Le tue spiagge.
I tuoi moli.
I tuoi musei.
Le tue quadrerie.
I tuoi campanili.
Le tue torri.
Le tue porte.
I tuoi teatri.
Le tue navi.
I tuoi caffè.
I tuoi negozi.
Le tue osterie.
I tuoi bisagnini.
Le tue spezie.
Le tue ferite.
I tuoi carruggi.
I tuoi cimiteri.

Il tuo porto.
Il tuo mare.
Il tuo cielo.

La tua gente.

Semplicemente tu, Genova.

Saluti,

Mauro.

4 commenti:

Serena ha detto...

Solo un appunto... bEsagnino e non bIsagnino. Il Bisagno in genovese si dice BESAGNU, quindi besagnino. :-)

Simone ha detto...

bella germania, vero?

Mauro ha detto...

Serena! Spero tu avessi bevuto un bicchiere di troppo quando hai scritto!

In genovese... Besagnu... e besagnin (e non besagnino!).

In italiano... Bisagno... e bisagnino.

Mauro ha detto...

Simone, sì la Germania è bella. Assolutamente sì. E molto.

Ma Genova rimane al tempo stesso la più bella città del mondo e la mia città natale.