venerdì 11 febbraio 2011

L'omertà del Nord

Fin da quando ero bambino mi sento dire che le mafie di fatto non sono battibili grazie soprattutto all'omertà di chi magari mafioso non è, ma comunque tace per principio, neanche per paura o complicità.
E mi sento altrettanto dire che la cultura dell'omertà - almeno in Italia - è particolarmente radicata al Sud e quindi le varie mafie trovano lì terreno particolarmente fertile per crescere.

E il Nord? Beh, il Nord è chiaramente molto più civile, più avanzato... infatti nel Nord il singolo cittadino non ha bisogno di essere omertoso... ci pensano le istituzioni a esserlo per lui, gli risparmiano la fatica istituzionalizzando l'omertà (e spacciandola per privacy):

"La mappa delle violazioni dei partiti (non avrebbero dovuto candidare condannati alle amministrative) fanno emergere un’Italia politica pantografata e divisa a metà: virtuosa al Nord, collusa con mafia e poteri criminali al Sud. Ventinove i candidati che hanno fatto la campagna elettorale con un condanna per estorsione in tasca; tre per usura; quattro per associazione di stampo mafioso; molti sorvegliati speciali e un condannato per riciclaggio. Per quanto riguarda le regioni (a Bari c’è una candidata condannata per concorso in usura), svettano Puglia (10), Campania (9), Calabria (8) e Sicilia (8), il Lazio (5), la Basilicata (3), l’Abruzzo (2). Quasi tutti i partiti sono coinvolti: Pdl (2), Pd (2), Mpa (2), Api (1), La Destra (1), Rifondazione-Sinistra europea (1), socialisti uniti-Psi (1), Udc (2). La Lega non c’è ma è pure vero che molte prefetture del nord si sono trincerate dietro la difesa della privacy."

Se volete leggere l'articolo completo, lo trovate sul Corriere della Sera: "Mafia e criminalità, ecco la lista dei 45 politici «impresentabili»".

Saluti,

Mauro.

2 commenti:

Silvietta ha detto...

Sta qui la differenza... al Sud si chiama omertà, al Nord si chiama privacy -_-''''''''.
Del resto la Santaché sosteneva che non era giusto intercettare un mafioso mentre telefonava a sua madre...

Mauro ha detto...

Ecco, le divisioni linguistiche tra sud e nord sono ciò che veramente ci impedisce di essere un paese unito... quando quelli di laggiù capiranno che si dice "privacy" e non "omertà" cambierà tutto! :-(