martedì 2 marzo 2010

Beneficenza... 'na fava

Ma che bravi questi artisti che a ogni occasione organizzano uno spettacolo di beneficenza... sacrificando i portafogli dei loro fans.

Facile parlare di solidarietà, ma poi in beneficenza dare non i tuoi soldi di attore, cantante, comico milionario... ma quelli dell'operaio, dello studente, dell'impiegato che pagano il biglietto d'ingresso.
Però sui giornali e sulle TV appare il tuo nome di artista, non il nome di chi ha pagato.

Questa non si chiama beneficenza, si chiama pubblicità, autopromozione.

Io sto con Vasco Rossi:
"Si parla tanto di beneficenza, ma la beneficenza è importante farla con il proprio portafogli e magari senza dirlo."

Saluti,

Mauro.

Nessun commento: