venerdì 16 ottobre 2009

La malattia di Berlusconi

Sto seguendo le reazioni scomposte di Berlusconi ai vari "attacchi" che sta subendo... reazioni che talvolta prendono anche fischi per fiaschi difendendosi da accuse non ricevute e non difendendosi da accuse ricevute...

Ma non voglio parlare di politica o di giustizia. Bensì di salute.

Quando Veronica Lario disse che Berlusconi era malato, tutti - a causa della storia Noemi - a discutere sulla "pedofilia" dello stesso.

Intanto la pedofilia - intesa in senso medico, lasciamo perdere le questioni legali - indica l'essere attratti da ragazzi/e che non hanno ancora raggiunto la pubertà o sono nella fase di passaggio tra infanzia e pubertà... e Noemi per quanto allora minorenne la pubertà l'aveva raggiunta eccome e anzi già lasciata indietro ;-)
Quindi se Berlusconi fosse (o fosse stato) pedofilo, avrebbe dovuto esserci qualche ragazzina ben più giovane di Noemi in ballo... oppure Berlusconi non è (almeno in senso medico) pedofilo.

Io invece pensai (e penso) che Veronica Lario intendesse tutt'altra malattia e il Berlusconi scomposto degli ultimi tempi sembra confermarmelo: Alzheimer o demenza senile.

Saluti,

Mauro.

7 commenti:

Aglaja ha detto...

Io ho pensato all'abuso di "farmaci".
Bentornato nel web, Mauro :-)

Aglaja
P.S.: http://twitpic.com/lv8li

Mauro ha detto...

Aglaja cara, il punto "Prendere il toro per le corna" è per caso dedicato a me? ;-)

È un piacere rileggerti!

Saluti,

Mauro.

Aglaja ha detto...

Mah, dici che il nostro Premier Papi pensasse a te? Komunista! ;-D

Aglaja

Mauro ha detto...

Avevi dei dubbi sul fatto che fossi Komunista? Eppure dovresti conoscermi ;-)

Saluti,

Mauro.

Silvietta ha detto...

Caro Mauro, ho capito cosa intendi e posso anche essere d'accordo... chi è attratto da un'adolescente è una cosa, chi da una bimba è un'altra.
Tuttavia nessuno può negare che un uomo(o anche una donna)che va con una adolescente approfitta di lei(o di lui)...
Non facciamo finta di non vedere: nell'adolescenza, per quanto fisicamente si possa essere diventati adulti, di testa sei ancora metà bimbo...
Un caro saluto, Silvietta

Mauro ha detto...

Cara Silvietta, spesso sono gli adolescenti ad approfittarne... o meglio, i genitori degli adolescenti a spingerli a farlo.

Comunque, nel caso in questione, io personalmente dubito che il nano sia andato con minorenni.

Ma gli conviene farcelo credere...

Silvietta ha detto...

Beh caro Mauro, alla fine mi dai ragione: non sono forse adulti quelli che istigano i propri figli ad approfittare delle proprie e delle altrui debolezze?
Siamo onesti, un adolescente non ha la capacità cognitiva di un adulto...