lunedì 6 settembre 2010

Fini il democratico

Ora che la rottura con Berlusconi sembra definitiva e insanabile, tutti (quelli dell'opposizione o presunta tale) a elogiare il democratico Fini.

Beh, fino a che si elogia il politico Fini, posso associarmi anch'io. In effetti Fini è uno degli ultimissimi veri politici professionisti per vocazione rimasti, al di là dell'approvare o meno le sue idee.
Ma elogiare il democratico Fini è cosa ben diversa... e sinceramente non ce la faccio.

Del resto Fini ha condannato alcuni aspetti e scelte del fascismo, ma non ha mai condannato il fascismo in sé o Mussolini.
Del resto Fini è il figlioccio della camicia nera Almirante e delle sue squadracce (tra l'altro legate alle stragi di stato del dopoguerra). E Fini non ha mai preso le distanze da dette squadracce.
Del resto Fini, pur di farsi sdoganare e conquistare qualche poltrona, ha accettato senza remore sedici anni di berlusconismo, piegandosi senza problemi al ducetto di Arcore.

Del resto ora Fini dialoga con Rutelli. E questo è molto più preoccupante di tutto quanto scritto sopra.

Saluti,

Mauro.

Nessun commento: