mercoledì 25 gennaio 2017

Ti seguo, non ti seguo

Io (come molti di voi) sono sui cosiddetti social network.
Non su tutti, ma su alcuni, anche importanti, sì.

E una cosa continua a non entrarmi in testa: la pretesa di reciprocità.

Mi spiego meglio.

Io decido di seguirti perché mi interessa ciò che scrivi. Perciò tu ti senti obbligato a seguirmi a tua volta, magari senza che ti interessi ciò che scrivo io. E mi segui senza - logicamente - leggermi. È assurdo. Anzi idiota.

Tu decidi di seguirmi perché ti interessa ciò che scrivo. Però poi ti offendi se io a mia volta non ti seguo (ma se tu scrivessi cose più interessanti magari ti seguirei) e talvolta perciò ti cancelli dal mio seguito. Altrettanto assurdo. Altrettanto idiota.

Forse sarebbe il caso di anteporre l'intelletto all'ego.
Sempre che si possieda un intelletto.

Saluti,

Mauro.

2 commenti:

Mehar ha detto...

"Intelletto" e "social network" fanno a pugni nella stessa frase, almeno per la stragrande maggioranza degli iscritti (e i pochi come te prima o poi: o fanno le valigie e chiudono l'account, o si fanno seppellire dalla marea di webeti che normalmente ciarlano a vanvera sui so(r)cial network).

Mauro ha detto...

Oppure,come capitato a me con LinkedIn, aprire un account senza metterci nulla dentro, con l'obiettivo di farlo successivamente... e poi dimenticarsi completamente di aver mai aperto quell'account ;)