domenica 29 gennaio 2017

Bloccare l'immigrazione

La possibilità di bloccare l'immigrazione è una di quelle cose che, se realizzate, provocherebbero orgasmi multipli dalla gioia in partiti come Front National in Francia, AfD e CSU in Germania, Lega Nord e M5S in Italia e vari altri in altri paesi...

Ora Trump (nuovo idolo di tutti quelli di cui sopra) sta realizzando la cosa negli USA.

Come reagiranno i coglioni in questione quando si accorgeranno che Trump, indipendentemente dall'essere riuscito o meno nel blocco, avrà comunque danneggiato per primi proprio gli USA?

Saluti,

Mauro.

4 commenti:

Jonny Dio ha detto...

A parte che la barriera tra usa e messico esiste già da oltre un decennio, con una lunghezza di "appena" quasi mille chilometri e trump intende solo completarla, è consentito ritenere che ci siano troppi immigrati senza passare per nazisti?

Mauro ha detto...

A parte il fatto che io ho parlato delle misure di Trump in generale, non della barriera (che oltretutto non ha di fatto fermato nessuno).
Se dici che gli immigrati sono troppi e lo motivi concretamente, nulla dire.
Se lo dici senza motivarlo, mi dispiace, ma allora devi accettare che molti persino tu sia razzista. Che tu lo sia o meno, devi accettarlo comunque.

salvo ruotolo ha detto...

@Jonny Dio:" (...) è consentito ritenere che ci siano troppi immigrati senza passare per nazisti?".

"Troppi"? E in rapporto a cosa, @Jonny Dio? All'intera popolazione degli States, agli statunitensi calvi, o a cos'altro?

Jonny Dio ha detto...

Chiariamo una cosa. Rendere servibile un'opera già in buona parte compiuta, come il muro usa-messico, non vuol dire bloccare in toto l'immigrazione, e nemmeno prendere ogni messicano e accompagnarlo alla porta. Vuol semplicemente dire che si incomincerà a far rispettare le regole, bloccando sì l'immigrazione, ma quella selvaggia e incontrollata, quella regolare sarà consentita come sempre. Non mi pare che ci sia da menare scandalo per questo, voi a casa vostra tenete la porta chiusa e le finestre aperte? Trump si è sempre schierato a favore di questa soluzione, fin dagli inizi della campagna elettorale, e, ora che ha preso i voti (anche) per realizzare questo, che dovrebbe fare? La svolta buonista? E gli americani che lo hanno democraticamente eletto? Li mandiamo a farsi fottere, insieme alla democrazia? Se erano così in tanti a tenere che questa cosa non si facesse, gli sarebbe bastato alzare il culo e andare a votare per la nota cornutona.
Ah, per la cronaca, nella democraticissima California, dove la Clinton ha stravinto, il muro arriva fino in mare: http://www.messico.net/files/2010/11/Muro-Tra-Messico-e-USA.jpg. Se sono così allergici alle barriere, perchè nessuno ha mai proposto di tirarlo giù dalle spese? Troppo comodo ragionare così.

@ruotolo: io non lo so se siano ritenuti troppi o in rapporto a che cosa, ma so che uno stato sovrano ha pieno diritto di decidere questo ed altro, così come io ho il diritto di decidere chi entra, chi esce e chi rimane in casa mia. Se io dico fuori tutti, se ne devono uscire tutti, altrimenti vuol dire che non è casa mia. Tu a casa tua come ti regoli? Se sei di mentalità così aperta, dimmi dove abiti che ti vengo a trovare, poi, se e quando me ne devo andare non spetta a te deciderlo, e neanche chi mi porto. Altrimenti, facciamola finita con questo buonismo di facciata e da quattro soldi, e iniziamo a proporre soluzioni vere per problemi veri, come è quello dell'immigrazione irregolare. Fregarsene lasciando tutto com'è, non è un modo da adulti di affrontare la questione.