sabato 17 dicembre 2016

Barra a dritta... eppure Grillo dovrebbe saperlo

Io non amo Grillo (già come comico mi diceva poco o nulla... e come politico mi dice anche meno), però io e lui abbiamo una cosa importante in comune: siamo entrambi genovesi.
Il che significa, al di là delle rispettive idee politiche, avere un retroterra culturale comune.
E il retroterra culturale comune genovese comprende il gergo marinaro. Anche per i genovesi che non sono mai stati per mare e non hanno mai lavorato in settori collegati al mare.

E ora sul suo blog Grillo pubblica questo:


Grillo qui vuole far credere di intendere "andiamo avanti per la nostra strada, senza deviare".

Peccato solo che "mettere la barra a dritta" in gergo marinaro significhi "virare a destra" (come "mettere la barra a manca" significherebbe "virare a sinistra").

E questo Grillo, da genovese, non può non saperlo.

Saluti,

Mauro.

P.S.:
Ringrazio Pietro Salvatori per la segnalazione (anche se il suo obiettivo non era finire sul mio blog :-) ).


2 commenti:

Jonny Dio ha detto...

Secondo me, nelle barche dove c'è la barra, muovendola a destra la barca vira a sinistra (mi scuso per i termini non corretti, ma io non sono un marinaio, ma non sono il solo, a quanto pare): http://digilander.libero.it/fse/images/deriva.jpg

Comunque, Grillo ha corretto, togliendo la "a". Che però è rimasta nel link, dato che la frase era anche il titolo del post.

Mauro ha detto...

Tecnicamente in fondo hai ragione: ma nel gergo marinaro "barra a dritta" significa "virare a destra". Lasciatelo dire da chi viene da una famiglia di marinai, pescatori e ammiragli.