venerdì 5 febbraio 2016

Renzi e la morte di Regeni

Io non so cosa sia successo a Giulio Regeni in Egitto.

So però che qualsiasi cosa pretenda Renzi dalle autorità egiziane, nulla otterrà.
Per ottenere qualcosa in questioni internazionali serve avere personalità e credibilità.
E Renzi a livello internazionale non ha né l'una né l'altra.
Ha solo parlantina (che forse lo aiuterà a far sì che gli italiani dimentichino la storia, ma non certo a risolvere la stessa).

Al Sisi con le proteste di Renzi invece ci si fa (giustamente, vista la credibilità di Renzi) al limite uno stuzzicadenti.

Saluti,

Mauro.

3 commenti:

Serena ha detto...

Io la penso diversamente, in un certo senso. Non è Renzi a non essere in grado di farsi valere, ma l'Italia purtroppo... vedi la questione "marò".

Mauro ha detto...

C'è una piccola differenza: l'Italia ha più bisogno dell'India di quanto l'India ne abbia dell'Italia, mentre con l'Egitto la situazione è invertita.
O almeno lo sarebbe senza Renzi.

Giorgio Colletti ha detto...

Renzi sta alla credibilita' e alla competenza come Berlusconi sta alla fedelta' coniugale; e il mio iperbolico paragone e' voluto, essendone il primo la continuazione con altri mezzi del secondo (ad esempio, rai, pd partito destrorso, etc.)
In ogni caso sempre di governicchi italioti, pieni di lacche' delle grandi banche internazionali e dei grandi fra - massoni, trattasi.