domenica 11 novembre 2012

La Fornero, la SLA e quant'è difficile

Ultimamente gira per il web una frase apparentemente detta dalla ministra Fornero. E sottolineo "apparentemente". Poi capirete perché.

La frase in questione sarebbe una risposta alle affermazioni di un malato di SLA (sclerosi laterale amiotrofica, forse più nota alle masse come morbo di Gehrig) che lamentava le sue difficoltà, aumentate dopo i tagli ai fondi della sanità.
"Apparentemente" (vedi sopra) la Fornero avrebbe risposto che anche fare il ministro è difficile. Ed è questa la frase contestata (e non dimostrata).

Partiamo dalla fonte della notizia: Informare per Resistere (devo essere sincero, visto il livello - infimo - del sito, non so se ho fatto bene a mettere il link, forse il mio è un autogol, visto che chi urla - come il sito in questione - viene ascoltato più di chi argomenta - come me e altri migliori di me).
Tutti i blog e simili che hanno riportato la frase contestata la hanno copiata da detto sito.

Questa fonte è un sito che sostiene che esista il complotto delle scie chimiche, che Di Bella avesse ragione, che in Germania esistano banche segrete e varie altre cose. Già questo dovrebbe chiarire la credibilità della fonte in questione.

Ma al di là di quanto sopra ci sono altri due punti che rendono la notizia ben poco credibile:

1) Nessun quotidiano italiano ha riportato la frase incriminata, neanche quei quotidiani (vedi Libero o la Padania, per esempio) che sono programmaticamente e aprioristicamente contro la Fornero e il governo attuale, cosa che dovrebbe far sorgere dubbi, visto che per detti quotidiani una frase del genere sarebbe grasso che cola;
2) Il malato di SLA protagonista dell'incontro (Salvatore Usala) ha lodato la sensibilità dei due ministri che lo hanno visitato (Fornero e Balduzzi); dato che Usala non è né un idiota né un venduto, non credo proprio che avrebbe lodato detta sensibilità se la Fornero si fosse lasciata sfuggire la frase in questione (Usala non è proprio un amico del governo, quindi non avrebbe avuto remore a dire la verità).

Insomma, mettendo insieme tutte le fonti credibili (quindi Informare per Resistere è esclusa) quello che si può supporre è che la Fornero (o il ministro della salute Balduzzi, non dimentichiamoci che non esistono registrazioni né audio né video dell'incontro, quindi non è detto che sia stata proprio la Fornero a parlare, presenti erano in fondo due ministri, non uno solo) abbia detto che anche per un ministro non è facile trovare i fondi.

Onestamente, prima di sparare conclusioni, bisognerebbe anche valutare le fonti delle presunte notizie, non solo le presunte notizie in sé.

Saluti,

Mauro.

2 commenti:

Serena ha detto...

Io la notizia la ho letta qui: http://www.cadoinpiedi.it/2012/11/05/la_fornero_si_lamenta_della_sua_vita_con_un_malato_di_sla.html e non sul sito da te nominato.
Forse hai ragione, forse quella frase non è stata detta ma... dove è la smentita? La Fornero è così idiota da non arrivarci? Oppure pensava di non doversi difendere? Quanto a Usala, visto lo scopo dell'incontro, buttare benzina sul fuoco non gli conveniva: è malato di SLA non rincoglionito.

Mauro ha detto...

Rispondo a quattro e più anni di distanza.
Rileggiti questa frase del mio articolo: "Tutti i blog e simili che hanno riportato la frase contestata la hanno copiata da detto sito."