giovedì 23 febbraio 2012

Scampoli di Germania quotidiana

Pulitissimi e curatissimi servizi igienici su treni regionali:


In una campagna contro la violenza famigliare è normale che i mariti abbiano tratti somatici meridionali (possibilmente turchi) e le mogli mitteleuropei:


Gli omaggi allegati ai prodotti nei supermercati sono, appunto, omaggi, non serve comprare il prodotto (busta a destra, tanto per capirsi):


Saluti,

Mauro.

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Foto 1) Viste le condizioni dei servizi igienici dei treni italiani, ti consiglio di non lamentarti... :-)
Foto 2) Bisogna decrementare le violenze familiari, non quelle razziali.
Foto 3) Nessuno ha mai affermato che sia obbligatorio acquistare il prodotto!!! :-) Ciao, Serena

Mauro ha detto...

Foto 1) Senti Serena, non mettertci anche tu a spalare merda contro l'Italia solo perché è l'Italia.
Io mi lamento eccome, e per due ragioni.
a) Il fatto che altri paesi possano essere n condizioni analoghe o peggiori della Germania non è sufficiente motivo per giustificare il paese in cui vivo. I confronti si fanno coi migliori, non coi peggiori.
b) Le parti divelte (qualunque sia stata la causa del danno) non erano più nel bagno. Il che significa che il personale era già passato e le aveva portate via. Quando in Italia il personale fa una cosa del genere poi chiude la porta a chiave in maniera che nessuno possa entrare, non la lascia aperta per far vedere a tutti lo spettacolo.

Foto 2) E tu decrementi le violenze famigliari incrementando i pregiudizi razziali? Veramente ottimo metodo, complimenti.

Foto 3) Qui in effetti hai ragione...

Saluti,

Mauro.

Anonimo ha detto...

Foto 1) Io non spalo merda contro l'Italia, semplicemente dico le cose come stanno. Sulla tua teoria del "chiudere il bagno" ho dei seri dubbi. Io per tre anni abbondanti ho preso il treno almeno un paio di volte al giorno e ti assicuro che, considerate le dimensioni della mia vescica, in almeno uno dei viaggi, dovevo utilizzare il bagno. Mai ne ho trovato uno chiuso e non perchè fossero "decenti": ti garantisco che il più delle volte li utilizzavo perchè non ne potevo proprio fare a meno.
2) Ma non hai capito il tono ironico della mia frase? Devo per forza utilizzare l'emoticon? :-)
3) Ogni tanto succede... :-) Ciao,
Serena

Mauro ha detto...

Foto 1) Vedo che continui a non capire: io non sto parlando di un bagno zozzo (comunque grave), ma di un cesso divelto!
Anzi, ti dirò di più: come "semplice" sporcizia - nonostante i danni - il bagno fotografato è uno dei più puliti che ho trovato. Immaginati gli altri.

Anonimo ha detto...

Io capisco ma mi dici dove ho parlato di sporcizia? Io ho parlato di decenza... Bagni senza cerchione o con cerchione, nelle migliore delle ipotesi, spaccato a metà (anche quelli di metallo...). WC sui quali, se per caso, ti ci siedi con un po' più di violenza, rischi di vederli tornare alla stazione di partenza. Porte che non si chiudono o che tendono a bloccarsi. Rubinetti dai quali non esce una goccia d'acqua... Devo continuare? Ciao, Serena

Mauro ha detto...

Non sapevo che tu usassi regolarmente le ferrovie tedesche.

Se me lo avessi detto ti avrei invitato per un caffè (schifoso) in una qualche stazione (disastrata) sul tuo tragitto.

TuristadiMestiere ha detto...

foto 1) chi l'avrebbe mai detto che anche in Germania i bagni dei treni possono essere sporchi/devastati credevo che fossero lindi e perfettamente funzionanti! Confermo: di solito in Italia chiudono a chiave la porta.
foto 2) che pubblicità oscena, simile a quella di Trenitalia che per pubblicizzare le carrozze economy ha messo sui manifesti una famiglia straniera (mentre noi europei prendiamo quelle business) o.O E c'è pure qualcuno che viene pagato per inventare queste pubblicità...mah
3) cioè, fammi capire...il prodotto omaggio te o puoi portar via senza comprare l'altro??? Uhm...

Mauro ha detto...

Cara turista bella...

1) Sulla sporcizia nei bagni tedeschi ne ho parlato più volte. Testimoniandola con foto del zozzume per quanto riguarda le ferrovie e con foto dei cartelli di "istruzione" per altri luoghi.

3) No, è furto come in Italia e in qualsiasi altro paese. Ma dato che gli allarmi all'uscita non suonano se ti infili in tasca solo l'"omaggio"... ci sono anime belle che colgono l'occasione.

Yupa ha detto...

@ TuristadiMestiere

La famiglia della famigerata pubblicità di Trenitalia aveva la pelle scura.
Se riteniamo tale pubblicità "razzista" o "inopportuna", si può pensare lo stesso di chi ritiene che una famiglia scura di pelle sia automaticamente straniera?

Paolo ha detto...

ma cos'è questa ossessione per i cessi? :-)

Mauro ha detto...

È uno studio scientifico: sto cercando di scoprire perché esistono esseri umani che tifano Sampdoria.
E la risposta a una simili domanda puoi trovarla solo nei cessi.
;-)

Mauro ha detto...

@ Yupa

Io non ho visto la pubblicità di cui tu e la turista parlate (vivo in Germania, non in Italia), ma credo che lei riportasse (magari sbagliando e fraintendendo, non lo escludo) quello che voleva essere il messaggio di Trenitalia, non quelle che erano le sue proprie idee.