giovedì 29 settembre 2011

Dettagli genovesi 3 - Cascate di fiori

E dopo l'acqua, il verde...


Saluti,

Mauro.


mercoledì 28 settembre 2011

Genovese d'esportazione?

Me la ha segnalata un amico: Belino il Grande... se lui era il re... come si sarà chiamata la regina? :-)

Saluti,

Mauro.

Dettagli coloniesi 5 - Un volto dal nulla

E in mezzo al grigio di una parete spunta un volto che inquietato e inquietante ci osserva...


Saluti,

Mauro.


martedì 27 settembre 2011

Prendere esempio dall'Arabia

Finalmente l'Arabia Saudita concede il voto alle donne.
Però continua a proibire la patente di guida alle donne.

Forse l'Arabia non ha tutti i torti... ;-)

Saluti,

Mauro.

lunedì 26 settembre 2011

A cosa serve il velo

Sabato qui a Colonia era una bellissima giornata e così io mi godevo il sole seduto ai tavolini all'aperto di un locale vicino a casa.
E ho capito a cosa serve il velo.

Infatti a un certo punto passa una ragazza che parla al telefonino e porta il velo. E cosa c'è di strano, direte voi? Beh, la ragazza aveva messo il telefonino tra il velo e l'orecchio, il velo era abbastanza stretto da sostenere il telefonino e lei aveva entrambe le mani libere.

Altro che simbolo religioso! Altro che sottomissione della donna! Il velo serve a sostenere il telefonino lasciando le mani libere!

:-DDD

Saluti,

Mauro.

domenica 25 settembre 2011

Aspettare Godot

È questo che il mondo, a quanto pare, chiede alla Palestina e ai palestinesi. Ma tutti sanno che Godot non arriva... quindi si vuole che la Palestina aspetti in eterno.

Di cosa parlo? L'Autorità Palestinese ha chiesto il riconoscimento ufficiale da parte dell'Onu (come esempio, leggere l'articolo al proposito del Corriere della Sera).
E gli USA (ma non solo) a chiedere ai palestinesi pazienza, a dire che mosse unilaterali sono dannose, a proseguire con i negoziati. E tante altre simili palle, visto che - almeno da Oslo in poi - sappiamo benissimo che i negoziati servono solo a prendere per il culo i palestinesi.

Perché la stessa pazienza non è stata chiesta al Sud Sudan? Perché i sud sudanesi non hanno avuto bisogno (giustamente, aggiungo io) di negoziati lunghi 60 anni ma hanno avuto riconosciuto un referendum che alla Palestina non è mai stato concesso?
Perché la stessa pazienza non è stata chiesta all'Eritrea? Perché gli eritrei non hanno avuto bisogno (giustamente, aggiungo io) di negoziati lunghi 60 anni ma hanno vista riconosciuta la loro dichiarazione di indipendenza senza che il mondo frenasse?
Perché la stessa pazienza non è stata chiesta al Kosovo? Perché i kosovari non hanno avuto bisogno (giustamente, aggiungo io) di negoziati lunghi 60 anni ma addirittura si sono visti quasi imposta l'indipendenza dalla comunità internazionale?

Ecco. Per me la Palestina è stato degno di ogni riconoscimento dal 1948. E non solo per me. È ora che lo riconosca anche l'ONU.

Saluti,

Mauro.

sabato 24 settembre 2011

Il tunnel del ministro

Anche la Gelmini si è accorta dell'esperimento del CERN: Comunicato stampa del 23 settembre 2011.

Commentare sarebbe come sparare sulla Croce Rossa... però una frase è da sottolineare a imperitura memoria: Alla costruzione del tunnel tra il Cern ed i laboratori del Gran Sasso, attraverso il quale si è svolto l'esperimento, l'Italia ha contribuito con uno stanziamento oggi stimabile intorno ai 45 milioni di euro.

Abbiamo costruito un tunnel tra Ginevra e il Gran Sasso e non siamo in grado di costruire un ponte sullo stretto di Messina???

Saluti,

Mauro.

venerdì 23 settembre 2011

Più veloci della luce

Oggi tutti i giornali hanno lanciato la notizia sensazionale: è stata superata la velocità della luce, Einstein smentito! (Un esempio qui, dal Corriere della Sera).

Rallentiamo, ragazzi, e torniamo sulla terra. Basiamoci sui dati scientifici.

Io mi sono appena scaricato le bozze dell'articolo (che apparirà su una rivista scientifica, per chi fosse interessato si possono scaricare qui) che parla di questi risultati, però non lo ho ancora letto e quindi non mi permetto di commentarli.
Però un paio di commenti 'preventivi' posso farli.

Punto primo

Einstein diceva che la velocità limite ("c", usualmente detta velocità della luce) non può essere superata, non esplicitamente che non possano esistere particelle più veloci.
Contraddizione? No, semplicemente secondo alcune interpretazioni della teoria della relatività la cosa significa che una particella più lenta di "c" non potrà mai accelerare fino a diventare più veloce di "c" e una particella più veloce di "c" non potrà mai rallentare fino a diventare più lenta di "c".
In parole povere: "c" non è un limite massimo, ma un confine tra due mondi.

Il problema è che particelle più veloci di c non sono mai state osservate... questo (forse) potrebbe essere il caso... vedremo.

Punto secondo

Einstein non disse che la velocità della luce fosse inconfutabilmente la velocità limite.
Il fatto è che affinamenti posteriori della sua teoria e tutte le osservazioni sperimentali dell'ultimo secolo sembravano dimostrare che la velocità della luce fosse veramente il limite, per questo anche noi fisici generalmente equipariamo le due cose.
Quindi potrebbe essere che questo esperimento mostri "solo" che la velocità limite einsteiniana è un po' superiore alla velocità della luce, senza smentire (e neanche modificare) nessun punto della teoria della relatività.

Punto terzo

In casi del genere si parla anche di possibili errori di misura. Io tenderei a escluderli (conosco l'esperimento e un paio di persone che ci lavorano, quindi so quanto accurati e prudenti sono... del resto parliamo di misure già fatte tre anni fa... ma prima di uscire allo scoperto hanno voluto farle e rifarle, analizzarle e rianalizzarle), piuttosto vorrei vedere come sono le tolleranze nelle misure, il famoso +/- che sta davanti a ogni seria misura scientifica. Il superamento di "c" potrebbe non essere provato, bensì solo non escludibile.

Per chiarire.
La velocità della luce è 299792,458 km/s. Se l'esperimento mostrasse - per esempio, non ho ancora letto le bozze di cui sopra, come detto - un valore della velocità dei neutrini di 299792,455 +/- 0,005 km/s, ciò non indicherebbe che la velocità è maggiore di "c", ma che entro le tolleranze della misura potrebbe esserlo.
Certo che in questi casi la stampa la conosciamo: vedrebbe solo il +0,005 e non il -0,005. E per di più lo vedrebbe come somma non come tolleranza :-(

Saluti,

Mauro.

giovedì 22 settembre 2011

Credibilità di un popolo

Capita, qui in Germania, che mi si chieda come riusciamo ancora a sopportare noi italiani un Parlamento e un governo che hanno perso ogni autorevolezza, ogni credibilità.

Quando mi viene posta questa domanda io ringrazio per la (ingiustificata) fiducia negli italiani.

Il fatto è che il problema è un altro.
Il governo e il Parlamento saranno anche non più credibili e autorevoli... ma il dramma è la credibilità di un popolo che li ha votati ormai per la quarta volta sapendo benissimo a cosa andava incontro.
È credibile, è affidabile un popolo del genere?
Anche il giorno che cambieremo governo, che cambieremo maggioranza in Parlamento... anche se quel giorno ci ritrovassimo col governo migliore del mondo... che fiducia potranno riporre gli altri paesi, gli altri popoli, in noi italiani che, liberamente e scientemente, senza aver puntata una pistola alla tempia e senza brogli elettorali, per quattro volte abbiamo mandato al potere l'attuale governo? Come potranno gli altri paesi pensare che non ci ricaschiamo più? Che alla prima occasione non rimandiamo al potere un nuovo imbonitore? Ricordando per di più che pure l'altro imbonitore nel 1922 lo avevamo mandato al potere tramite regolare voto?

No, il problema non è l'autorevolezza del governo Berlusconi. Il problema è l'affidabilità dell'elettore italiano.

Saluti,

Mauro.

martedì 20 settembre 2011

Porta Pia

Forse il 20 settembre 1870 è stato il Vaticano a conquistare l'Italia e non l'Italia a conquistare Roma.

Purtroppo.

Saluti,

Mauro.

lunedì 19 settembre 2011

Gli italiani sono capaci di tutto

Giovanni di Lorenzo, figlio di italiani e direttore della Zeit (il più importante settimanale tedesco):

"Gli italiani sono capaci di tutto, persino di salvarsi".

Saluti,

Mauro.

domenica 18 settembre 2011

Dettagli coloniesi 4 - L'albero delle scarpe

Ermanno Olmi un tempo girò il film "L'albero degli zoccoli"... a Colonia si è pensato di essere più moderni e agli zoccoli si sono preferite le scarpe da ginnastica...



Sì, lo so, non sono poi così facili da vedere in mezzo ai rami ;-)

Saluti,

Mauro.

venerdì 16 settembre 2011

Dettagli coloniesi 3 - Comodamente seduti

Le panchine di Colonia...


Saluti,

Mauro.


mercoledì 14 settembre 2011

Anche gli atei talvolta esagerano

E lo dico io che sono ateo (e orgoglioso di esserlo).

Ora, che una studentessa venga fatta andare via da una scuola perché lesbica non è bello, anzi moralmente è ignobile. E in una scuola pubblica sarebbe anche illegale in (quasi) tutto il mondo (USA compresi).

Però una scuola privata (come anche un club privato, un'associazione privata, ecc.) ha il diritto di accettare o rifiutare chi vuole, in base alle proprie visioni e idee.
Quindi questa storia non mi piace, ma sinceramente mi piacciono ancora meno tutti i sottintesi che il sito dello UAAR vuole portarci a pensare.

Saluti,

Mauro.

martedì 13 settembre 2011

Dettagli genovesi 2 - Chiare, fresche, dolci acque

E chi lo ha detto che a Genova non ci sono?


Saluti,

Mauro.


domenica 11 settembre 2011

Non ho parlato di undici settembre

E non ho nessuna intenzione di farlo.

A meno che non vogliamo parlare dell'11 settembre 1973. Che quello del '73, sì, ha cambiato il mondo.

Saluti,

Mauro.

giovedì 8 settembre 2011

Ridatemi Erode!

Oggi ricominciano le scuole qui nel Nordreno-Vestfalia.

Potete immaginare come si viaggi su treni e bus, che sono già estremamente inadeguati a scuole chiuse.

Saluti,

Mauro.

martedì 6 settembre 2011

Dettagli coloniesi 2 - Voto d'anoressia

Va be' che molti ordini religiosi fanno voto di povertà e mangiano in maniera spartana (almeno così raccontano)... ma qui sembrano aver portato la cosa a conseguenze un po' troppo estreme...


Saluti,

Mauro.


Grande Don Gallo

Don Andrea Gallo ha tuonato contro Comunione e Liberazione. Bravo Don Gallo!

Saluti,

Mauro.

lunedì 5 settembre 2011

Mauro e l'agave

Io, come quasi tutti, so fare molte cose e altrettante non ne so fare.
Una delle cose che è provato che non so fare è occuparmi delle piante.
Regalarmene o affidarmene una significa semplicemente condannarla a morte.

Da sei anni ho però in casa un'agave. È in piena salute e cresce. Lentamente ma cresce.
In teoria i casi sarebbero due: o è una pianta che non ha praticamente bisogno di cure oppure involontariamente la curo nel modo giusto.

Io però sospetto una terza spiegazione. L'agave si prende gioco di me.

Saluti,

Mauro.

domenica 4 settembre 2011

Dettagli genovesi 1 - Grifone farmaceutico

Bellissimo antico grifone dorato sull'angolo di un palazzo... purtroppo seminascosto dall'insegna di una farmacia...


Saluti,

Mauro.

venerdì 2 settembre 2011

Dettagli coloniesi 1 - I romani ci guardano

Finestra (di edificio privato, non museo) a Colonia...


Saluti,

Mauro.

giovedì 1 settembre 2011

Anniversario teutonico bis

E oggi compio 4 anni di Siemens... e di questo ve ne fregherà ancora meno :-)

Saluti,

Mauro.