martedì 5 aprile 2011

Pioggia di bombe

Dopo Fukushima, uno degli argomenti più amati (e ripetuti a mantra senza dare elementi concreti) contro il nucleare è la sua parentela con la bomba atomica.

Ora, sempre energia dall'atomo è... quindi che tra nucleare militare e nucleare civile ci sia una parentela è innegabile. Anche se dubito (è un eufemismo :-) ) che i ripetitori del mantra di cui sopra sappiano spiegare comunanze e differenze tra i due.

Volendo però questo argomento potrebbe essere anche usato a favore del nucleare... se si guardano i numeri e le conseguenze delle bombe atomiche.
A un'affermazione del genere probabilmente salteranno sulla sedia anche coloro che sono assolutamente a favore del nucleare, prendendomi per matto. Però è proprio così.

Tenendo conto che in una bomba atomica (che sia quella "classica", quella all'idrogeno o quella a neutroni) lo scopo è proprio il "non controllo" degli effetti (esattamente il contrario degli obiettivi di una centrale nucleare) se uno vi dicesse che sulla Terra sono esplose migliaia di bombe atomiche, voi subito pensereste: "Ma allora la Terra, o almeno buona parte di essa, dovrebbe essere un deserto nucleare inabitabile!".

E se io vi chiedessi quante bombe atomiche sono esplose al mondo, dalla prima del luglio 1945 nel deserto del New Mexico, a voi verrebbero in mente - chiaramente - le due lanciate sul Giappone alla fine della Seconda Guerra Mondiale, poi pensereste a località del Pacifico come Mururoa (esperimenti francesi) e Bikini (esperimenti USA), al deserto del Nevada - dove facevano gli esperimenti gli USA e il Regno Unito - e ai vari deserti asiatici dove in epoche diverse hanno provato le loro bombe URSS, Cina, India e Pakistan.
Ai più pessimisti di voi verrà in mente un totale di un centinaio di esperimenti, forse un po' di più.

Ebbene tra il 1945 e il 1998 sono esplose nel mondo 2053 bombe atomiche (in lettere: duemilacinquantatre), comprese quelle di Hiroshima e Nagasaki, non un centinaio.
E non solo nei luoghi citati prima: il Regno Unito ha fatto esperimenti atomici anche in Australia, la Francia nel Sahara Occidentale (quindi a due passi da casa nostra!), l'URSS anche in posti non proprio desertici e nell'Artico, gli USA sul proprio territorio non solo in Nevada e New Mexico e anche nell'Atlantico.

E nonostante questa pioggia di bombe... non mi pare proprio che la Terra sia un deserto nucleare.
Sinceramente, prima di riempirsi la bocca con Chernobyl e Fukushima, pensare un po' ai numeri di cui sopra non guasterebbe: dimostrano che l'essere umano è un animale guerrafondaio e pericoloso... ma che al tempo stesso la catastrofe nucleare non è così vicina o facilmente provocabile come si vuol far credere...

Così, per completezza di informazione, ecco chi ha fatto esplodere le varie bombe, e quante ne ha fatte esplodere:
  • USA 1032
  • URSS 715
  • Francia 210
  • Cina 45
  • Regno Unito 45
  • India 4
  • Pakistan 2
  • Israele 0 (lo cito perché possiede la bomba, anche se non la ha mai sperimentata e quindi magari non funzionerebbe neanche...)
Saluti,

Mauro.

P.S.:
Un'interessante (e per certi versi affascinante) serie di foto di esplosioni nucleari è stata pubblicata oggi (8 aprile) sul sito Il Post.

4 commenti:

notizie ha detto...

Ti ho visto in un commento sul "Post"... la tua è una riflessione interessante...

Mauro ha detto...

Grazie!

Anonimo ha detto...

ho letto solo questo post sul numero delle bombe esplose. La tua conclusione è molto superficiale. Non hai nemmeno accennato alle conseguenze avvenute sulle persone esposte e a quante generazioni sono implicate in tale conseguenze. Tutti quei cancri che abbiamo oggi, sono conseguenza del cibo industrializzato o dell'inquinamento probabilmente solo in piccola parte. Tutte quelle bombe sperimentali hanno suscitato enormi quantità di polveri radioattive che si sono sparse in tutto il pianeta. C'è poco da stare allegri. Se aggiungiamo ancora un po' di contaminazione, vuoi con le centrali, vuoi con l'uranio impoverito, vuoi con i rifiuti nucleari che non sappiamo come eliminare, tra poco potremmo chiudere baracca per sempre. Pertanto è consigliabile che i potenti dell'umanità prendano le dovute cautele.

Mauro ha detto...

Prima ancora è consigliabile che i vigliacchi dei commenti anonimi (e delle affermazioni senza fonti) si decidano ad avere il coraggio di presentarsi.
E a citare fonti per sostenere le loro sciocchezze.