sabato 26 marzo 2011

Spiegatemi una cosa...

Io sono nato e cresciuto a Genova.
Ho sempre amato alla follia la mia città e il suo dialetto (che purtroppo non ho mai parlato troppo bene, essendo le mie radici familiari a Venezia e non a Genova, quindi il mio genovese è un po' inquinato, per così dire).

Però... finché vivevo a Genova, la mia città e il mio dialetto erano sì estremamente importanti per me... ma non avrei fatto follie per loro.

15 anni fa, per vari motivi mi sono trasferito in Germania... e da allora per la mia città e per il mio dialetto, per difenderli, sarei anche disposto a uccidere... spiegatemi perché, per favore.

Saluti,

Mauro.

13 commenti:

A nomad ha detto...

leggiti la citazione del mio blog! e' semplice. Sei un ligure.

TuristadiMestiere ha detto...

secondo me perché solo quando siamo lontani da luoghi e persone capiamo quanto ci mancano. O i sentimenti che proviamo. L'affetto per il dialetto è l'affetto per la tua terra. E' una dichiarazione d'amore, la tua! :D

Mauro ha detto...

@ Nomad

E sono orgoglioso di esserlo :-)

@ Turista

Per me la mia Genova non è solo una città... è come una persona... come una fidanzata, una sorella, una madre :-)

Silvietta ha detto...

Che bella questa tua dichiarazione Mauretto!
E concordo sia con Kamila che con Turista: l'affetto per il dialetto è l'affetto per la tua terra.
Ed è vero che solo quando sei lontano senti quanto ti mancano certe cose: ricordo i miei viaggi all'estero, pensavo spesso all'Italia e alla mia famiglia!
Bacioni!

Bb ha detto...

....perché la primavera comincia a fare capolino in Europa ed é impossibile non sentirsi orfani delle emozioni che dà Genova (e la Liguria) con la luce delle giornate che si allungano, con il verde che cade a picco nel blu del mare che si fonde con l'azzurro intenso di un cielo limpido. E soprattutto con la nostra voglia di attaccarci ancora una volta come patelle (a Nomad, docet) agli scogli per sentire ancora il vento ed il profumo della nostra terra. Istinto tanto primordiale come quello di uccidere. Per la sopravvivenza.
Con affetto e comprensione dalla Francia.

Mauro ha detto...

Bellissime parole, BB... meriti un abbraccio :-)

Silvietta ha detto...

E io no?Cattivo >_>

Mauro ha detto...

Ma Silvietta... BB la conosco da quando era poco più che una bambina... un po' di preferenza credo di potergliela concedere ;-)

Silvietta ha detto...

Sti uomini... non capiscono mai quando si scherza^^

Mauro ha detto...

Con voi donne non si sa mai :-)

Bb ha detto...

@ Silvietta
ecco una triste realtà: gli uomini ti conoscono fino da bambina allora solo dopo circa 20 anni di presa di conoscenza e un tuo fratello come compagno di liceo ti considerano finalmente innocua e dunque ti abbracciano. La srada è lunga...... ;-))
@ Mauro
guarda che hai solo 5 anni piu' di me sai.....

Mauro ha detto...

Barbarella cara... chi ti dice che io ti consideri innocua? ;-)

Bb ha detto...

mi fai sentire come Amelia la strega che amalia! .....cielo, Mauro! cosa pensera' di me chi legge?! :-p