sabato 19 marzo 2011

Repubblica socialista sovietica del Giappone

Al di là di ogni discorso sulla gravità della situazione, una cosa mi ha stupito del Giappone: la reazione ufficiale iniziale a quanto accadeva a Fukushima.

Non credevo ai miei occhi e alle mie orecchie. Sembrava di essere tornati a Chernobyl e all'URSS, ma non in senso radioattivo, bensì in senso politico.
Va bene (fino a un certo punto) cercare di tranquillizzare e magari minimizzare per evitare panico e reazioni inconsulte nella popolazione... ma all'inizio il Giappone sembrava negare, nascondere, non minimizzare.

Eppure il Cremlino sta da un'altra parte.

Saluti,

Mauro.

Nessun commento: