martedì 7 dicembre 2010

Bambini e banche sporche

Sono d'accordo a considerare le banche - o almeno parte di esse - come associazioni a delinquere (come scrisse Bertolt Brecht nell'Opera da tre Soldi: "Che cos'è l'effrazione di una banca di fronte alla fondazione di una banca?").

Però bisogna anche essere pragmatici.
Oggi, 7 dicembre 2010, si vorrebbe fare una rivoluzione anti-banche, dal nome Bankrun 2010.
Il problema è che se tutti facessimo veramente ciò che ci invita a fare Eric Cantona, cioè andare in massa a ritirare i nostri soldi dalle banche (chi ne ha...), crollerebbe l'economia tutta, visto che questa si basa sui finanziamenti delle stesse.
Prima bisognerebbe trovare un metodo di finanziamento alternativo per l'artigianato, la piccola impresa e i singoli cittadini (la grande impresa si arrangerebbe anche senza banche, non temete).

Se invece prima distruggi e poi pensi a eventuali alternative... sì, ti sei liberato dalla dittatura delle banche, ma cosa hai conquistato? La libertà di ammirare un cumulo di rovine.

Insomma, hai buttato il bambino con l'acqua sporca.

Saluti,

Mauro.

Nessun commento: