giovedì 25 marzo 2010

Fuoco e fiamme

Calderoli ha bruciato in pubblico le norme e le leggi obsolete e abrogate.

Ora, io non sono certo un amico di questo governo, però devo ammettere che è la prima volta che un governo italiano decide concretamente di sfoltire la giungla legislativa e ciò merita apprezzamento.
Sui criteri di selezione delle leggi da abrogare non so nulla... quindi su questo punto non posso nè criticare nè complimentarmi (anche se qualcosa deve essere andato comunque storto, visto che abbiamo rischiato di dover riportare la capitale a Firenze...).

Però, quella sceneggiata del falò mi ha ricordato il rogo dei libri di Berlino del 1933 oppure pagine da "Fahrenheit 451", non scene da paese civile e democratico.

Certi roghi fanno paura. Qualunque testo venga bruciato.

Saluti,

Mauro.

Nessun commento: