mercoledì 3 marzo 2010

Computer e computer

Ormai si vendono più i cosidetti portatili (netbook, notebook, laptop o comunque vogliate chiamarli in questo non inglese che uccide le altre lingue senza però far progredire l'inglese vero) che i computer classici o personal computer (i desktop, tanto per rimanere al non inglese di cui sopra).

Sarò un vecchio conservatore antiquato, ma è una brutta notizia.

Il vecchio PC era fisso in un posto e dipendeva da te. Tu decidevi di andare lì, di accenderlo e di usarlo. Era lui a essere una tua appendice.

Il portatile, o peggio ancora il palmare o il telefono cellulare con funzioni internet/web, è sempre lì, ti segue dovunque tu sia, è collegato dovunque tu sia. Sei tu a essere una sua appendice.

Sarò vecchio... ma... viva il PC, abbasso il portatile! :-)

Saluti,

Mauro.

3 commenti:

Ricciolina ha detto...

à propos, per il mio compleanno voglio un bel Smartphone (telefonino intelligente, cellulare intelligente o supercellulare) per poter leggere i tuoi pensieri eretici anche in giro! ;)

Saluti
Ricciolina

Mauro ha detto...

Cosa sono i compleanni? :-D

Saluti,

Mauro.

Serena ha detto...

Scusa, ma stavolta non sono proprio d'accordo. Una persona può diventare l'appendice anche di un computer fisso ed è successo già così tante volte da costringere il S.S.N. a istituire un servizio per la cura delle persone computer/dipendenti.
Sei tu a decidere se diventare schiavo di un apparecchio. Dipende solo da te e, se non dalla tua intelligenza, almeno dal tuo buon senso.

Ciao,
Serena