mercoledì 9 agosto 2006

Giustizialismo o perdonismo?

Il recente indulto mi ha fatto venire in mente l'eterna italica lotta tra i giustizialisti e i perdonisti.

Bisogna essere duri, intransigenti, usare il pugno di ferro per proteggere gli onesti e rendere i disonesti inoffensivi?
Bisogna essere buoni, generosi, tendere la mano per contribuire al recupero dei rei e costruire una società buona?

Intanto chiariamo che nessuna delle due cose ha nulla a che fare con la giustizia.
La parola "giustizia", se qualcuno non lo avesse notato, ha la stessa radice della parola "giusto". E ne' la durezza estrema, ne' il buonismo spinto sono giusti (che possano essere, in determinate situazioni, utili e/o giustificati è un altro discorso, ma giusti non sono di sicuro entrambi).

Una pena giusta è la premessa indispensabile per poter far sì che sia gli onesti che i disonesti, sia le vittime che i colpevoli possano mantenere o ritrovare il rispetto reciproco e quello verso sè stessi come esseri umani.

Se invece il problema non é la giustizia, ma, come molti vorrebbero farci credere, la sicurezza... allora a maggior ragione giustizialismo e perdonismo perdono entrambi senso.
La maggior garanzia di sicurezza è fornita dalla certezza della pena. E questa si ottiene a mio modesto parere tramite due cose:
- Regole chiare e semplici e "cataloghi delle punizioni" espliciti, in modo che si sappia sempre a cosa si va incontro trasgredendo le regole;
- Una volta condannati in via definitiva pena fissa e chiara, senza premi o aggravamenti, se non in casi eccezionali.

A che serve non sapere se, per esempio, prenderò solo una multa o un anno di galera?
A che serve sapere, per esempio, che nonostante i 30 anni teorici a cui sono stato condannato, mi terranno dentro solo 10 anni o giù di lì?

Ripartiamo da questo. E poi vedrete che non ci sarà più bisogno ne' di perdonismo ne' di giustizialismo.

Saluti,

Mauro.

Nessun commento: